News

Octombrie 28, 2010 at 6:00 pm (Uncategorized)

E’ tempo di un aggiornamento sulle ultime novità.

Dunque, nelle ultime settimane ho fatto le seguenti cose:

1. L’11 di ottobre sono stata invitata alla trasmissione “Agenda Italia” su Youdem per parlare di immigrazione.

Qui potete vedere il video :
http://www.youdem.tv/VideoDetails.aspx?id_video=2b58f288-67ae-4e43-9ac1-0c51c5d21d76

2. Il 23 ottobre invece sono stata invitata alla trasmissione “Mattina in Famiglia” su rai1. Gli argomenti più o meno gli stessi.

Anche qui c’è il video, ma vi consiglio di andare avanti dopo il minuto 40:
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-d6085003-8b8c-4dd0-80ac-752f33b6df42.html#p=0

 

Il 23 ottobre, in pomeriggio sono stata a Recanati per la presentazione del libro, alle ore 16.00 presso il Salone sito nei Giardini Pubblici, Recanati centro. Hanno partecipato:  il sindaco di Recanati, Francesco Fiordomo e l’Assessore  alla cultura, Andrea Marinelli.

E’ stato un dibattito molto interessante, come veramente bello è stato incontrare i romeni (in realtà le donne romene) di quella città, veramente bellissime persone.

Arriviamo ad oggi.

 

Il sabato prossimo il libro lo presentiamo a Torino, anche questa una tappa importante. Sotto l’invito. Ovviamente siete invitati tutti!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ed anche una recensione uscita da poco:

“Romeni – La minoranza decisiva per l’Italia di domani” (Rubbettino) – recensione

Un’accurata, quanto reale, analisi della presenza dei romeni nel nostro paese.
lunedì 18 ottobre 2010, di Emanuele G. – 51 letture

Finalmente esce un libro – edito dalla Rubbettino – che fa giustizia sulla realtà dei romeni in Italia. Gli autori sono l’On.le Guido Melis e la giornalista Alina Harja.

E’ un saggio che mi è piaciuto fin dalle prime battute. Utilizza un linguaggio diretto e privo di fronzoli. Non si perde, cioè, in lunghe e noiose disquisizione di carattere sociologico. Che spesso non spiegano nulla. E’ un saggio il cui punto di partenza è un’intensissima attività di lettura della realtà e raccolta dati concreti e verificabili.

Già il sottotitolo la dice lunga sul tono del libro: “La minoranza decisiva per l’Italia di domani”. Decisiva perché grazie ai romeni l’Italia non ha conosciuto un drammatico crollo demografico. Decisiva perché i romeni danno una fortissima mano di aiuto in settori che noi non vogliamo più curare. Decisiva perché ci sono ben 27.000 imprese rumene operanti in Italia con indubbi benefici sul nostro Pil. E l’elenco degli effetti positivi potrebbe essere lunga. Molto lunga.

Ci sono degli aspetti negativi che giocano un ruolo di ostacolo a una perfetta integrazione dei romeni nel nostro paese. Il primo problema è costituto dall’incapacità dei romeni a farsi rappresentare degnamente in Italia. Ci sono innumerevoli associazioni rette da persone alquanto discutibili. Cosa dire, poi, della stampa italiana che esagera quasi sempre i toni allorquando deve pubblicare notizie riguardanti i romeni? Ma anche, e soprattutto, la politica dovrebbe fare un mea culpa. Negli ultimi anni ha pensato solo di esacerbare gli animi. Un modo di fare trasversale. Ricordare i toni apocalittici di Veltroni a seguito dell’omicidio della signora Reggiani per mano di Mailat?

“Romeni – La minoranza decisiva per l’Italia di domani” è un libro prezioso. Molto interessante. Ben scritto. Capace di spingerci al confronto. Unica soluzione concreta per risolvere sul serio i problemi. Dovrebbe essere adottato dalle scuole. E’ un ottimo testo di educazione civica.

http://www.girodivite.it/Romeni-La-minoranza-decisiva-per-l.html

Anunțuri

Lasă un răspuns

Completează mai jos detaliile tale sau dă clic pe un icon pentru a te autentifica:

Logo WordPress.com

Comentezi folosind contul tău WordPress.com. Dezautentificare / Schimbă )

Poză Twitter

Comentezi folosind contul tău Twitter. Dezautentificare / Schimbă )

Fotografie Facebook

Comentezi folosind contul tău Facebook. Dezautentificare / Schimbă )

Fotografie Google+

Comentezi folosind contul tău Google+. Dezautentificare / Schimbă )

Conectare la %s

%d blogeri au apreciat asta: