Românii din Sardinia

Octombrie 1, 2010 at 8:04 pm (Uncategorized)

In timp ce unii “cârcotaşi” , lipsiţi de părţile anatomice necesare unei autocritici sănătoase, îmi analizau greşelile de tipar (misstype, ar fi pe englezeşte) eu m-am deplasat într-un tur în Sardinia.

Nu mă aşteptam sincer la o primire atât de călduroasă din partea românilor de acolo şi din partea autorităţilor locale.

A fost un prilej şi pentru a asculta problemele pe care le au.  Autorităţile locale s-au plâns de lipsa de organizare a comunităţii şi de lipsa unui partener de dialog exprimat de comunitate. Sunt plângeri absolut legitime, mai ales că este foarte greu din partea unei administraţii să discute cu fiecare român în parte. Comunitatea senegaleză din Sassari, de exemplu, are o asociaţie, reprezentanţi care sunt în contact permanent cu primăria. Noi încă nu.

La Palau românii reprezintă cea mai mare comunitate de străini dar în toată localitatea nu există nici măcar un reprezentant. Primarul ar fi chiar de acord să numească un reprezentant român în primărie, însă paradoxul este că nu ştie de unde să-l ia. Asociaţiile italiene de voluntariat s-au plâns de lipsa noastră de unitate.

Românii de acolo însă se simt uitaţi de autorităţile româneşti şi mi-au mărturisit că-i admiră pe italieni pentru că îşi fac autocritică. “Nu este vina lor că nu au un partener de dialog. Este vina noastră, a românilor că nu suntem uniţi”, mi-a mărturisit o româncă.

Ah, ceea ce m-a surprins la românii din Sardinia este că nici măcar unul nu s-a plâns de faptul că nu ar avea loc de muncă sau că este prost plătit.  Ba mai mult se simţeau aproape stingheriţi că nu au reuşit să aducă toţi românii din localitate la prezentare.  Singurul lucru pe care şi-l doresc este să poată afirma în continuare că sunt mândri că sunt români. Probabil că acest lucru se datorează şi faptului că politica made in Romania şi asociaţionismul românesc n-au reuşit să-şi întindă tentaculele până acolo. Şi nici gazetele nu prea ajung prin zonă.  În caz contrar, mi-ar fi fost înmânată sigur vreo carte de vizită şi primarul s-ar fi plâns de prea mulţi reprezentanţi.

Concluzia mea? Poate nici nu este nevoie de o formă de reprezentare atunci când românii reuşesc să se strângă totuşi în jurul unei idei.  Poate faptul că neaspirând la funcţii şi neavând motive să se războiască între ei îi face să fie mai uniţi. Nu erau toţi cei 300 de români (numărul oficial) din Palau la prezentare dar am putut discuta măcar cu peste 30 dintre ei: români veniţi să-şi susţină o conaţională. Unii dintre ei îşi comandaseră cartea pe internet cu mult înainte de prezentare (spre deosebire de gazetarii care vorbesc cu gura fără ei).  Idem la Sassari.

Mi se confirmă teza susţinută de noi în carte: luptele astea pentru putere, conflictualitatea dintre asociaţii şi diferiţii lideri de opinie nici măcar nu ajung la românul obişnuit. Nu ştiu nici măcar cine sunt aceştia sau ce-i cu ei.

Au auzit de un partid al românilor dar nu-i cunosc reprezentanţii. Erau la curent cu faptul că au fost mărite taxele consulare şi că acel partid a făcut greve ca să le micşoreze. Pot spune că ştiau esenţialul. De unde? Urmăresc presa din România şi presa italiană.

În încheiere: bravo lor, bravo românilor din Sardinia care au demonstrat că ştiu să fie ospitali şi solidari.

P.S. Fotografiile sunt de la prezentarea de la Sassari. Autor: Peppone Tinnirello

Revista presei:

La paura del diverso

la Nuova Sardegna — 26 settembre 2010   pagina 43   sezione: SPETTACOLO

SASSARI. Chi sono i romeni? Sono un milione di persone che vivono da anni in Italia. Studiano, lavorano, parlano una lingua neolatina, simile alla nostra, e sono cristiani come la maggior parte degli italiani. Il loro tasso di criminalità non supera di molto la media nazionale. Eppure basta guardarsi intorno per capire che nei loro confronti, nel migliore dei casi, c’è un’aperta ostilità: milioni di italiani li considerano apertamente criminali, ladri, stupratori. E non può essere altrimenti, perché quando si parla di immigrazione dalla Romania ci si sofferma solo sui fatti di cronaca e si trascurano le storie di tutti giorni. Storie che invece Guido Melis, duputato del Pd, ha voluto raccogliere nel suo ultimo libro: «Romeni, la minoranza decisiva per l’Italia di domani» (Rubbettino, pp. 171, 14 euro).  Il volume è stato scritto con la giornalista Alina Harja. Leggerlo è la ricetta ideale per contrastare il cancro degli stereotipi. Si scopre che i romeni sono impegnati nel settore dell’assistenza agli anziani, nella ristorazione, ma anche nel campo dell’imprenditoria. Scorrendo tra le pagine ci si ricorda che fanno parte a pieno diritto della Comunità europea ed è dunque un errore considerarli clandestini o stranieri, e che non bisogna confonderli con i rom, i quali appartengono a unetnia completamente diversa. Il libro è stato presentato ieri pomeriggio a Sassari, nell’Aula Magna della facoltà di Lettere e Filosofia. Il dibattito è stato moderato da Giuliano Giubilei, giornalista del Tg3. Assieme ai due autori erano presenti il sindaco di Sassari, Gianfranco Ganau, e il presidente dell’associazione A buon diritto, Luigi Manconi, che è anche autore della prefazione. «Tutto ha avuto inizio nel 2007 con l’omicidio di Giovanna Reggiani a Roma – ha ricordato Manconi – Da quel preciso momento si è creata l’associazione tra il romeno e il violentatore. I politici in campagna elettorale hanno strumentalizzato il fatto, innescando un processo di xenofobia». In Europa intanto non va meglio. I relatori hanno ricordato alcune notizie dei giorni scorsi: Sarkozy che espelle i rom dalla Francia e Maroni che si dice pronto a seguirlo. «La xenofobia si sta diffondendo a macchia dolio perché è il meccanismo più semplice per raccogliere voti, come sanno bene i politici della Lega – ha detto Melis – All’inizio del mio mandato da parlamentare mi sono scontrato con il pacchetto sicurezza e le sue tante aberrazioni del diritto, come il reato di clandestinità. Ho voluto rispondere con questo libro». Un volume controcorrente, dunque, ideale per conoscere la realtà in maniera diversa dai telegiornali. Fondamentale, da questo punto di vista, il ruolo del secondo autore, Alina Harja, giovane giornalista romena che da anni vive in Italia. – Michele Spanu

Festa dei lettori, un successo a Sassari

la Nuova Sardegna — 27 settembre 2010   pagina 23   sezione: SPETTACOLO

SASSARI. Incontri letterari e laboratori creativi, favole, giocoleria, cronaca e attualità. L’edizione 2010 della festa dei lettori ha raccontato l’universo-libro attraverso un calendario articolato e aperto ad un pubblico di tutte le età. La manifestazione è stata realizzata grazie alla passione e all’impegno sinergico di diverse associazioni locali: Coilibrì, Maidirelettere, Cidi, Librati dal nido, I passi perduti, in collaborazione con la Libreria Internazionale Koinè, Facoltà di Lettere dell’Università degli studi di Sassari, Unicef, Movimento per la difesa della Scuola Pubblica. Tra gli appuntamenti più seguiti la presentazione del libro “100 giorni sull’isola dei cassintegrati” (Il Maestrale) di Silvia Sanna, che nell’aula magna della facoltà di lettere ha visto la partecipazione di un gruppo di cassintegrati della Vinylis alla vigilia del loro incontro con il presidente del consiglio. Il tema della disoccupazione, e dell’incertezza di un futuro per i giovani è stato trattato anche da Marco Iezzi, economista del ministero dello sviluppo economico e autore del libro “Gioventù sprecata. perchè in Italia si fatica a diventare grandi.”. (Laterza). Iezzi ha presentato il suo libro-inchiesta sulla gioventù di oggi alla facoltà di lettere e al liceo Azuni coinvolgendo gli studenti cittadini in un’accesa discussione sui temi trattati nel saggio. Grande interesse anche per il libro di Guido Melis “Romeni-La minoranza decisiva per l’Italia di domani” (Rubettino) e per il reading di Vins Gallico, giovane autore calabrese, che ha presentato il suo libro d’esordio dal titolo “Portami rispetto” (Rizzoli). Numerosi anche gli appuntamenti dedicati ai lettori di domani che con i laboratori a cura da Coilibrì hanno potuto esplorare la magia della fiaba e della creatività. A bordo del Librobus, un camper pieno di libri e fantasia, gli animatori hanno portato il loro carico di storie alla scuola primaria di via Cilea per poi sbarcare nei giardini della facoltà di lettere dove si è svolto lo spettacolo-laboratorio di giocoleria, magia e acrobatica “Viola e le sue valige” a cura di Maurizio Giordo e Céline Brynart. (mo.de.m)

Legătură permanentă 1 comentariu

Il libro „Romeni” : 2 appuntamenti in Sardegna

Septembrie 25, 2010 at 11:35 am (Uncategorized)

 SASSARI. Oggi, 25 settembre, alle ore 17 nell’Aula magna della Facoltà di Lettere ,Luigi Manconi, Giuliano Giubilei, Antonello Ganau presentano il libro di Alina Harja e Guido Melis “Romeni. La minoranza decisiva per l’Italia di domani” (Rubbettino Editore). Saranno presenti gli autori.

PALAU. Domani presentazione libro sui romeni.

Domani domenica 26 settembre, a Palazzo Fresi, alle ore 18:00, a cura del circolo PD di Palau, sarà presentato il libro di Guido Melis (deputato PD) e Alina Harja (giornalista) dal titolo: Romeni, la minoranza decisiva per l’Italia di domani (Rubbettino Editore). Sarà presente tra gli altri il senatore Gian Piero Scanu.

Legătură permanentă 1 comentariu

Recunoaşte c-am avut dreptate…

Septembrie 24, 2010 at 10:41 pm (Uncategorized)

Văd de ceva timp nişte omuleţi, aprigi contestatari ai mei şi ai PIR-ului (bine, mă confundă pe mine cu PIR-ul – a se citi organizaţie –  dar asta este altă poveste: le reamintim, pentru orice evetualitate, că secretarul naţional PIR, adică numărul 1, se numeşte Mihai Muntean şi nu Alina Harja), că au început să se dea cotiţi, că timid încep să-mi/să ne dea dreptate.

Preambul: da,  am susţinut acţiunile PIR care mi s-au părut corecte din punct de vedere civic , cum ar fi votul în alb pentru că, la fel ca ei ,consider că întreaga clasă politică din România ar trebui sa fie schimbată dacă vrem o ţară cu adevărat europeană.

Da, PIR-ul, fiind o organizaţie, a dat voce anchetelor mele legate de mărirea taxelor consulare şi de taxa “Brânză şi s-au bătut ca taxele să fie reduse. Momentan au fost reduse de 30%, când legea despre care discutam le-a dublat. Evident, am luat ţeapă , dar oricum plătim ceva mai puţin decât şi-au dorit parlamentarii noştri. Şi, da, este meritul PIR-ului.  Exclusiv!

Închise parantezele, mă minunez să văd cum anumiţi “redactori-şăfi”  la publicaţia portocalie “Millenium”, anunţaţi cu surle şi trâmbiţe, astăzi se dau la fund şi se bat cu pumnul în piept că ei n-au votat Băsescu şi, timid, foarte timid, încep să aprecieze propunerile făcute de PIR.

Bine, nu reuşesc să fie total imparţiali nici el şi nici colega (care colegă, între noi fie vorba, se dădea de ceasul morţii să convingă PIR-ul să-l susţină pe Băsescu, cum de altfel făcuse şi în timpul referendumului: chestie semnalată punctual de colegul de gazetă despre care discutăm) şi trebuie, cu orice preţ să bage un comunicat în aceeaşi oală cu o serie de proteste însoţite de semnături, multe semnături,

Eu pot să înţeleg de ce, având in vedere că, colega “imparţialului” se ocupa de biroul de presă al senatorului Badea şi că “imparţialul”, după cum spuneam mai sus, trebuia să devină redactor-şef la “Millenium”. Bine, între timp a mai ieşit şi scandalul denunţat promt de Duţu despre “consulul 007” – culmea!? – sponsorul “imparţialului”.

Acuma, dacă “imparţialul” ar avea un pic de demnitate ar face frumos “mea culpa” şi şi-ar cere nişte scuze publice pe măsura calomniilor ale căror autor a fost timp de doi ani pe gazeta la care încă activează atât el cât şi colega la fel de “imparţială”.

Dar mă tem că nu vom avea parte de-aşa ceva.

Oricum, reamintim “imparţialului” tezele susţinute de mine pe acest blog:

–          never, never, never  Băsescu!

–          clasa politică românească:  nici unul nu merită

–          Boc: incapabil

–          Diaspora nu-i o vacă de muls la discreţia clasei politice româneşti

–          Filialele PD-L ilegale din Italia trebuiesc închise: IMEDIAT!

–          Asociaţionismul românesc  din Italia(cu puţine excepţii) : o gaşcă de profitori şi de arivişti

–          Mocanu: impostor

–          Ramona Bădescu: prefer să fiu reprezentată de cineva mai îmbrăcat atât ca haine cât şi ca neuroni

–          Presa din diasporă (cu mici excepţii): să meargă la şcoală

–          Candidaturile fără electorat sunt semn de analfabetism politic

–          Petrecerile cu mici, bere şi manele în piaţe publice nu îmbunătăţesc cu nimic imaginea negativă pe care o avem în Italia: dimpotrivă.

–          Nu mă deranjează să fiu reprezentată de un italian (valabil pentru orice altă naţionalitate) cât timp face interesele acestei comunităţi

Demonstrează că eşti bărbat, dacă te ţine, şi cere frumos scuze măcar “dobitocului”, “parvenitului”, “grandomanului” (cum l-ai definit în ultimii doi ani pe Mihai Muntean).

Semnat: “Piţipoanca”, “grandomana”, “scriitoarea lui peşte prăjit”, “păpuşa sexy”

Legătură permanentă 3 comentarii

Striscia la Notizia e le inchieste parziali

Septembrie 24, 2010 at 5:20 pm (Uncategorized)

Sono rimasta colpita seguendo quello che Striscia la Notizia chiama „l’inchiesta in Romania sulle adozioni internazionali negate”.

(http://www.striscialanotizia.mediaset.it/news/2010/09/23/news_5972.shtml)

(http://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/videoflv.shtml?2010_09_lauda22.flv)

A parte che abbiamo una visione completamente diversa sul termine „inchiesta”, mi hanno colpito le „omissioni” fatte dalla redazione. Tanto che ho mandato una lettera. Non mi aspetto di avere una risposta, figuriamoci!

Siamo abbastanza abituati al loro modo di mandare in onda solo ed esclusivamente gli aspetti negativi della Romania, ma era mio dovere farlo.

Ecco la lettera:

Gentile redazione,

Ho seguito la vostra „inchiesta” sulle adozioni in Romania e non ho potuto non notare, come addetta ai lavori, alcune „omissioni”.
Mi ha colpito in particolare il fatto che non siete andati a verificare le fonti ufficiali per dare al pubblico la notizia corretta sul numero dei bambini adottabili in Romania, che è pubblico: si tratta di 44.000 e non 80.000 quanto avete detto voi.
Inoltre non avette per nulla parlato dei 21.000 bambini che vivono nelle case famiglia in cura a degli „assistenti materni” attentamente selezionati dagli Uffici per la Protezione dei Minori e pagati dallo stato romeno che fanno si che i bambini crescano in vere e proprie famiglie.
Per quello che riguarda invece la situazione degli orfanotrofi, dove vivono gli altri 23.000 bambini, questa è sensibilmente migliorata dopo l’entrata in vigore delle legge 272/2004 (http://www.dreptonline.ro/legislatie/legea_protectiei_copilului.php).
Io, personalmente, ho avuto modo di visitare un orfanotrofio vicino alla città di Timisoara a febbraio di quest’anno, accompagnando una delegazione dei vigili di Sassari e l’On. Guido Melis, presidente del Gruppo Interparlamentare Italia-Romania, e vi posso garantire che almeno in quella struttura i bambini sono cresciuti ed educati nel migliore dei modi. Non si può certamente parlare di storie di abusi.
Non nego che in passato, precedentemente alla costituzione dell’Autorità Nazionale per la Protezione Sociale e per la Protezione dei Diritti del Minore, ciò non sia avvenuto.  Anzi, è successo e come… Ed ovviamente anche dopo, nel periodo di cosiddetta “anarchia” post rivoluzione.

Ma quello che è sbagliato è sostenere che questo avviene oggi. Anzi, se avete modo di farvi tradurre la legge, vedrete che è anche vostro obbligo segnalare alle autorità romene se siete a conoscenza di casi di maltrattamento.

Nessuno nega che le adozioni siano probabilmente la cosa migliore per i minori abbandonati. Tuttavia, però, sarebbe il caso di avere la possibilità per lo Stato romeno di verificare la sorte futura dei suoi cittadini.

Purtroppo però nel periodo post-rivoluzione ci sono state tante adozioni fin troppo facili e ci sono state tantissime segnalazioni negative. Al riguardo, vi mando in allegato un po’ di queste segnalazioni.

Finchè non ci sarà un sistema di controllo internazionale veramente efficace sulle adozioni, è di gran lunga meglio che quei bambini siano sotto la protezione dello Stato romeno.

Sono tuttavia delusa del vostro modo di usare anche i bambini pur di buttare fango sul mio Paese.

Sperando di vedere delle inchieste imparziali, vi porgo i miei più cordiali saluti,

Alina Harja

P.S. Anche sulla protezione dei minori costretti a chiedere elemosina la legge 272/2004 è molto più dura di qualsiasi altro provvedimento esistente in Italia al riguardo.

Legătură permanentă 1 comentariu

Lo Sceicco e le sue due mogli

Iulie 31, 2010 at 12:27 pm (Uncategorized)

Io questo post non lo volevo scrivere ma, vista la quantità di scemenze  che leggo in giro, mi tocca farlo.

Dunque, tutti sono al corrente (ormai pure i babbuini ) del divorzio violentissimo tra Fini e Berlusconi. Niente di nuovo:  Berlusconi si è pensato per tanto tempo una specie di sceicco con due mogli Fini e Bossi, tutte e due, sempre secondo lui, devote ed impegnate a compiacerlo a tutti i costi. Solo che il nostro Sceicco non ha fatto i conti giusti con le personalità e le ideologie dei due e, a differenza dei sceicchi, quelli veri, ha dato di più a uno e meno all’altro. La tradizione islamica poligama prevede di trattare nello stesso identico modo tutte le mogli, ma evidentemente Berlusconi non lo sapeva mentre ha “combinato” questo matrimonio bigamo.

Mentre compiaceva Bossi sul federalismo fiscale, sul pacchetto sicurezza e tutte le altre scemenze incivili proposte dalla Lega, teneva ben nell’angoletto Fini, la moglie che gli aveva dato molto di più rispetto a Bossi: aveva persino preso il suo “cognome” (intesa come scioglimento dell’AN nel PDL, di fatto casa di Berlusconi) e rinunciato a tutte le sue “fortune”.

Certo, è facile accusarlo adesso di tradimento, quando in realtà il tradito è stato proprio Fini. Mi ricordo il giorno delle elezioni:  facevo le dirette dalla sezione elettorale dove votava sia Fini che Veltroni.  Mi ricordo la compostezza di Fini nel vedersi ignorare da tutti i giornalisti che, come avvoltoi, gironzolavamo intorno a Veltroni. Nessuno lo ha salutato, nemmeno un vaffanculo.  Io l’ho guardato: sguardo amaro, testa alta, camminata sicura. Quella era la prova che aveva rinunciato alla sua identità, che non era più appetibile per nessuno, che l’unico che si sarebbe preso tutto sarebbe stato Berlusconi. Spero per lui che valga la pena, mi ricordo di aver pensato. Perché io sono così: mi commuovo facilmente davanti agli sconfitti, ai grandi personaggi che passano nell’oblio, che vengono messi all’angolo.

Poi , però, l’hanno fatto Presidente della Camera. Probabilmente Berlusconi avrà pensato che quella era una carica innocua, dove Fini non avrebbe potuto avere la possibilità di fare dei danni. Certo, in genere, il presidente della Camera si limita a fare il notaio e non è un soggetto attivo. Beh, nel frattempo le cose sono cambiate. Fini ha fatto diventare attivo il suo ruolo di Presidente della Camera. Non più da spettatore, ma da protagonista. Non passa un giorno senza un evento alla Camera, senza una sua presenza a qualche evento, presenta più libri di Mondadori,  riceve alla Camera persino i carcerati che presentano uno spettacolo teatrale alla Camera. Fini, piano piano, inizia a ritagliarsi uno spazio politico mai occupato da nessuno: nemmeno dal PD, uno spazio progressista, legalitario ma non giustizialista (a differenza di Di Pietro), unitario e identitario, ma non estremista, liberale nel vero senso della parola, laico ma non radicale.

E’ questa la sua ribellione e poi arriva il tradimento. Tradisce Berlusconi con la Costituzione che diventa il suo nuovo grande amore e, come ogni grande amore, va difeso ad ogni costo.  Berlusconi è ancora suo “marito”, ma il nuovo “amante” ha più appeal. E d’altronde c’è anche un senso di solidarietà: quella Costituzione violentata ripetutamente da Berlusconi, in permanenza sotto minaccia di mutilazione. Come fa a non piacerti?

Poi c’è il tema dell’immigrazione: troppo scottante e, sicuramente, in questo momento elettoralmente perdente. Berlusconi ed in genere il centro-destra, con la Lega, ha vinto le elezioni sui casi di cronaca con stranieri protagonisti, opportunamente rilanciati e enfatizzati da una stampa servile e abboccona (abboccona, perché nemmeno “La Repubblica” ha mai capito il tranello ed è cascata come una pera cotta).

Il PD su questo ha sempre “opportunamente” oscillato: prima ha pensato di fare la stessa cosa della destra (vedi il caso Mailat e Veltroni), poi l’ha esclusa dal discorso (già, perché mentre il PDL candidava Souad Sbai, Jean Leonard Touadì  era candidato dall’IDV, non dal PD), per poi mantenersi sempre distante e, finalmente, dopo che Fini spalanca le porte all’immigrazione, anche il PD inizia timidamente ad occuparsene.

Ma questa dell’immigrazione non è il suo “grande amore”, non è il tema sul quale giocarsi tutto per tutto.

I temi sono  la Costituzione, la legalità, intesa per tutti senza il “tranne” arduamente desiderata dallo Sceicco, l’identità italiana, fortemente schiacciata da una Lega che la tira in ballo solo quando deve prendersela con l’immigrazione, l’unità nazionale, palesamente sacrificata dallo Sceicco per accontentare la sua moglie/concubina “preferita” – Bossi.

Adesso lo Sceicco si giocherà la carta dell’opposizione fatta dall’ex “moglie” che gli ha impedito di portare avanti le riforme per il Paese. Ma quali riforme? Lodo Alfano? La legge sulle intercettazioni? Il processo breve? Oppure gli appalti della cricca sulle disgrazie della gente? I tagli all’università e alla ricerca (salvo per poi lamentarsi che è colpa dei cinesi e degli immigrati che il prodotto italiano non è più competitivo)? I tagli alle forze dell’ordine (salvo per poi accontentare di nuovo la “moglie” Bossi sulle ronde)? Far diventare ministri dei pregiudicati oppure degli indagati (Questa sì che è una riforma , nel senso di novità)?

Lo Sceicco ha ripudiato, come nelle migliori tradizioni islamiche, ha buttato al vento la “moglie” che più gli ha dato senza nulla. Ma il divorzio islamico in genere prevede dei risarcimenti che Fini si dovrà prendere da solo, mantenendo la “custodia” della Camera,  trascinando lo Sceicco nella pubblica gogna come ha scientificamente fatto ieri.

“Qualunque cosa succeda” si chiamava un romanzo di Umberto Ambrosoli. Appunto: qualunque cosa succeda da oggi in poi, ci ricorderemo di un piccolo Sceicco che aveva due mogli, che ha ripudiato la più meritevole, la quale si è ribellata e lo ha schiaffeggiato pubblicamente senza timori. Ci ricorderemo di una moglie dello Sceicco che ha buttato per terra il velo e si è fatta vedere in tutto il suo splendore, corteggiata ed ammirata da tutti gli avversari dello Sceicco.

E se lo Sceicco va alle elezioni e le vince, facendo più porcate di prima e con più forza, ci ricorderemo della moglie che gli metteva dei freni, che bilanciava, che edulcorava la deriva incivile, feudale e dittatoriale dello Sceicco. “Qualunque cosa succeda” questo rimarrà nella storia.

Legătură permanentă 1 comentariu

Despre restrictiile pe piata muncii

Iulie 12, 2010 at 2:30 pm (Uncategorized)

Deci ce s-a intamplat cu restrictiile? Acum aproape o luna am publicat acest articol pe Unità.

Atto secondo, il mistero della circolare scomparsa

di Alina Harja tutti gli articoli dell’autore

Per accedere ad alcune attività lavorative in Italia, i soli romeni e bulgari, tra tutti i comunitari, devono ottenere un nullaosta. Questa regola, considerata obsoleta, tutt’ora esiste. Ma non fa più riferimento alla circolare 7881 del 3 dicembre 2009, bensì alla n.2 del 20 gennaio 2010. L’equivoco nasceva dal fatto che un paio di settimane fa quella circolare era scomparsa dai siti del Ministero dell’Interno e delle Prefetture. Invece esiste, eccome, e questa non è certamente una bella notizia. Il 2009 doveva essere l’ultimo anno. Ora si parla del 2013. Ma a cosa serve questa moratoria? Essa è necessaria solo per la prima assunzione in Italia. Quanti nulla osta sono stati finora richiesti? Dal 2007 al 2010, le domande presentate ammontavano a 59.127, e le concessioni a 44.838, il 75,8% del totale. Dopo il primo anno si è registrato un calo delle richieste (10mila in meno), con una continua riduzione negli anni successivi (dalle 28.955 del 2007 alle 3.361 del 2010). Tenendo conto dei flussi annuali di ingresso di romeni e bulgari, le cifre dimostrano che c’è stata una fuga generalizzata dai nullaosta. Per diventare regolari quei cittadini preferiscono orientarsi verso i settori lavorativi “liberi”. Le aree con più domande nel 2007 sono quelle dove le richieste sono calate successivamente (Milano da 3065 a 231, Roma da 1977 a 319), ma anche quelle dove sono stati concessi, negli anni, meno nullaosta: Roma 43,4% , Milano 51,7%. Ma allora serve a qualcosa questa moratoria? Solo ed esclusivamente a rendere più macchinosi i processi di inserimento lavorativo e, dunque, di integrazione; e a discriminare tra cittadini comunitari di serie A e cittadini comunitari di serie B.

19 giugno 2010
 
 
Intre timp Guvernul a raspuns si la interpelarea privind restrictiile pe piata muncii. Ce-a zis Guvernul Italian? Ca le tine oricum si ca s-ar putea sa le prelungeasca pana in 2013.  Fara o motivatie precisa. Ci pentru ca asa vrea el.
Multi m-au intrebat: si acum? Ce aveti de gand sa faceti? Singura solutie ar fi un proiect de lege sau un ordin de zi prin care sa se ceara ridicarea acestor restrictii. Dar iar va spune proaspatul Redactor-Sef de la Millenium (ziarul senatorului Badea) ca vrem sa ne facem publicitate si iar ne vom trezi cu o tona de noroi in cap.
Mai bine stam in banca noastra.

P.S. Daca doriti sa aflati ce se intampla la angajare,  iata un exemplu: http://dutumihai.com/2010/07/09/cautand-un-loc-de-munca-in-italia/

P.P.S. Daca nu stiti cine este proaspatul Redactor-Sef portocaliu, dati click aici: CCF08072010_00001
si apoi aici pentru protocaliu: http://www.asociatiaeuropa.ro/

Legătură permanentă 4 comentarii

Ci risiamo…

Iulie 12, 2010 at 11:48 am (Uncategorized)

 

La notizia è: in via Palmiro Togliatti, accanto ad un distributore di benzina sono stati trovati due cadaveri. La polizia indaga.

Secondo “La Repubblica” le cose sono andate così: 

Due cittadini romeni di circa 25 anni sono stati trovati morti stamattina accanto a un autolavaggio sulla Palmiro Togliatti, nei pressi del parco Madre Teresa di Calcutta. Secondo la polizia potrebbe trattarsi di morte per overdose, anche se non si esclude la pista del duplice omicidio

Due cadaveri sono stati trovati stamani in strada a Roma, in una zona periferica della città. Le due persone sono state trovate accanto a un distributore di benzina con autolavaggio, all’altezza del civico 801 della Palmiro Togliatti, una zona frequentata dai tossicodipendenti. Si tratta di due cittadini romeni, dell’apparente età di 20, 25 anni. Potrebbero essere morti per una overdose, ma gli inquirenti non escludono nessuna pista, compresa quella del duplice omicidio, con i due uccisi e scaricati dietro l’autolavaggio che confina con il parco Madre Teresa di Calcutta, a ridosso della Palmiro Togliatti. I medici legali non hanno trovato evidenti segni di violenza, anche se hanno riscontrato dei lividi al collo ed escoriazioni ai piedi. Uno dei due era senza scarpe, come se le avesse perse mentre veniva trascinato.( http://roma.repubblica.it/cronaca/2010/07/12/news/palmiro_togliatti_trovati_cadaveri_accanto_a_un_distibutore-5527408/ )

Dunque, “zona frequentata da tossicodipendenti”, ergo “ potrebbero essere morti per overdose”. Certo, c’è anche il particolare dei “lividi al collo ed escoriazioni ai piedi”, ma che vuoi che sia. Poi se uno avrà pure perso le scarpe mentre veniva trascinato (dalla droga?) chi se ne importa. La droga a volte fa brutti scherzi. Già.

Non sono ancora identificati, visto che non sappiamo l’età ma sono sicuramente romeni. L’avranno scritto in fronte. 

Mentre per il “Corriere della Sera” le cose sono andate così:

Le due persone sono state trovate accanto ad un distributore di benzina, all’altezza del civico 801 della Palmiro Togliatti, zona frequentata da tossicodipendenti. Secondo la polizia, le due persone potrebbe forse essere state proprio tossicodipendenti. Il ritrovamento è avvenuto poco dopo le 7. Sarà il medico legale a stabilire le cause della morte.

PROBABILMENTE CITTADINI DELL’EST – I due, probabilmente cittadini dell’Est dall’età apparente di 35 anni, non avevano i documenti e accanto ai loro corpi non sarebbero state trovate siringhe. L’autopsia stabilirà le cause della morte. Sui loro corpi non sarebbero stati rilevati evidenti segni di violenza. Secondo quanto riferisce la polizia, la zona è frequentata da tossicodipendenti , e i cadaveri potrebbero essere stati trasportati verso la strada dal parco retrostante.

(http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/10_luglio_12/due-cadaveri-strada-1703364105227.shtml?fr=box_primopiano )

Il “Corriere della Sera” lo sa dalla polizia che, infatti, non ha specificato la nazionalità visto che non sono stati ancora identificati, ma sa che sono dell’Est. Come lo sa il “Corriere”? E’ anche questo un mistero visto che i due non avevano documenti con loro.

Certo, c’è sempre questo particolare: che potrebbero essere tossicodipendenti, vista la zona dove sono stati ritrovati. Tipo: se un italiano viene ammazzato diciamo ai Parioli, dove abita, e poi viene portato accanto ad un campo rom, è certamente un rom. Sì, lo so, è una logica tutta strana. 

Poi ci sono quelli di “InfoOggi” che anche loro hanno una visione dei fatti:

Si tratta di due cittadini romeni di circa 30 anni. Secondo le prime ricostruzioni i due malcapitati sarebbero stati uccisi e poi scaricati dietro l’autolavaggio, che confina con il parco Madre Teresa di Calcutta.

Entrambe le vittime erano di robusta corporatura e potrebbero essere stati ‘giustiziati’ per un regolamento di conti. I medici legali non hanno trovato segni di violenza ma per il momento la pista più probabile resta per gli investigatori quella di una lite tra connazionali. I cadaveri sono stati rinvenuti intorno alle 7.00 di questa mattina, ammassati uno sull’altro. Non sono state trovate nelle immediate vicinanze tracce di sangue il che fa presumere che il duplice omicidio sia avvenuto altrove. (http://www.infooggi.it/articolo/rinvenuti-due-cadaveri-sulla-palmiro-togliatti/3192/ )

Eh, già. Loro si che ne sanno una in più del diavolo. Certamente una in più degli investigatori.

Intanto sa di certo che sono romeni anche se di “circa 30 anni”. La parte più interessante è che “i cadaveri sono stati rinvenuti … ammassati uno sull’altro”  e che si presume che “il duplice omicidio sia avvenuto altrove”. Loro si che sanno di certo che è stato un duplice omicidio. Ma anche se non lo sanno, vista la posizione dei corpi è facilmente ipotizzabile che sia stato omicidio. Il bello è che hanno già una pista: “lite tra connazionali”. Anche se i “connazionali” ancora non sappiamo che nazionalità hanno. Scusate, loro lo sanno.

Ma come, non erano morti per overdose? Non erano tossicodipendenti? Non erano ancora da identificare?

E, soprattutto, il cittadino non ha diritto ad un’informazione corretta?

P.S. Ieri il TG1, il TG4, il TG5 (il resto dei Tg non l’ho visti) davano un ampio spazio ad un incidente d’auto che vedeva coinvolto un romeno. Niente di nuovo: odore di campagna elettorale in avvicinamento. Cadrà il Governo Berlusconi? Tutto è possibile. Ma anche se no, intanto si affilano le armi.

 LATER EDIT

Nel frattempo il „Corriere” ha modificato il testo:

Secondo la polizia, le due persone potrebbe forse essere state proprio tossicodipendenti. Potrebbe trattarsi, quindi, di overdose ma sarà il medico legale a stabilire le cause della morte. Anche perchè sembra che qualcuno abbia trascinato i due corpi fuori dal parco adiacente fino al distributore, proprio per permetterne il ritrovamento.

OVERDOSE – Potrebbe essere stata un’overdose di sostanze stupefacenti a uccidere i due uomini. due persone trovate cadavere questa mattina alle spalle di un distributore di benzina. Lo ha stabilito un primo esame del medico legale secondo cui le ferite trovate sul volto sarebbero state provocate dopo la morte. L’ipotesi investigativa è infatti, al momento, quella che i due corpi siano stati trascinati da qualcuno dal parco adiacente fino al distributore di carburante, proprio per permetterne il ritrovamento. Nelle tasche dei due uomini, di circa 30-40 anni e probabilmente originari dell’Est Europa, non sono stati ritrovati documenti. Gli agenti di polizia stanno ascoltando i frequentatori del parco pubblico di viale Palmiro Togliatti per fare luce su quanto avvenuto.

Dunque quanti anni hanno? 20-25, 30-35, 35-40? L’Europa dell’Est? Cioè: Ungheria, Romania, Ucraina, Moldavia, Bulgaria, Polonia, Repubblica Ceca, Russia, Bielorussia oppure Slovacchia?

Legătură permanentă 3 comentarii

Giornata dell’amicizia italo-romena alla Camera dei deputati. Due economie a confronto.

Iulie 1, 2010 at 5:03 pm (Uncategorized)

A Roma, nella prestigiosa sala del Mappamondo della Camera dei deputati, si tiene martedì 6 luglio la prima Giornata dell’amicizia italo-romena, promossa dall’Unione Interparlamentare-sezione Italia-Romania e dedicata al tema “Due economie a confronto”.

La Giornata, che vedrà confrontarsi le delegazioni parlamentari dei due Paesi, sarà aperta alle 9,30 dal saluto del presidente della Camera Gianfranco Fini, per proseguire con gli interventi dei due ambasciatori (Razvan Rusu, ambasciatore della Romania a Roma, e Mario Cospito, ambasciatore italiano a Bucarest).

Lo scopo dell’iniziativa sarà poi illustrato dai due presidenti delle rispettive delegazioni, Guido Melis e Marius Sorin Ovidiu Bota. “Vogliamo concretizzare – dice Melis – un confronto serrato, con illustrazione di esperienze e discussione sulle prospettive, tra le due economie, italiana e romena. Per questo abbiamo chiesto ad alcuni importanti esponenti delle istituzioni economiche-finanziarie dei due Paesi di esporre quanto già esiste sul piano dei rapporti reciproci e delle collaborazioni tra le due comunità nazionali”.

Nella prima sessione, “L’economia italiana in Romania”, sono previsti gli interventi del segretario di Stato del Ministero dell’Economia romeno Maria Parcalabescu, del responsabile economico-commerciale dell’Ambasciata italiana a Bucarest Carmelo Barbera, del presidente della Camera di commercio italiana in Romania Guglielmo Frinzi, di George Paunescu, presidente dell’Alleanza delle Confederazioni patronali della Romania (un imprenditore che ha nel suo curriculum esperienze nei due Paesi), di Luca Serena, direttore generale Euroholding da poco nominato presidente di Unimpresa, di Giovanni Villabruma, direttore dell’ufficio di rappresentanza della Finmeccanica in Romania. Questa sessione sarà conclusa dal ministro per le politiche europee Andrea Ronchi.

“La seconda sessione – spiega Guido Melis – avrà per oggetto la presenza dell’economia romena in Italia”. Aperta da Alessio Bonciani, vicepresidente dell’Associazione parlamentare Amici della Romania, vedrà gli interventi del ministro consigliere economico e commerciale dell’Ambasciata romena Ioan Corneliu Dinu, del console onorario romeno ad Ancona George Teseleanu, del direttore del’Osservatorio ITRO Stefano Rolando, di Giorgio Mihoc, presidente dei Piccoli imprenditori romeni in Italia, di Paolo Ranieri della Fondazione ISMU, di Marius Burghelea della Romar s.a.s. Conclusioni di Adolfo Urso, viceministro dello sviluppo economico.

Un programma intenso, come si vede, al termine del quale la reciproca conoscenza e, si spera , l’integrazione tra i due Paesi avranno compiuto un decisivo passo in avanti.

Scarica qui l’invito: Invito Convegno Italia Romania 2010-07-06

Legătură permanentă 2 comentarii

Badea strikes… again

Iunie 29, 2010 at 10:53 am (Uncategorized)

“Eu nu am votat pentru mărirea de taxe. Aceasta s-a votat la Camera Deputaților, nu la Senat. Singurul lucru pentru care s-a votat în Senat a fost propunerea legislativă pentru modificarea și completarea legii 198, referitoare la taxa de urgență”, a explicat senatorul Badea, răspunzând indirect protestelor venite din partea Partidului Identitatea Românească (P.I.R.). “Nici eu și nici deputatul Brânză nu am votat această propunere de mărire a taxelor consulare”, a subliniat Badea. Sursa: Ora

Mda! Numai ca in plenul sedintei, Badea declara:

Domnul Viorel-Riceard Badea:

Domnule preşedinte,

Stimaţi colegi,

Grupul parlamentar al PD-L susţine această iniţiativă legislativă. Evident că noi şi în comisie am fost, alături de colegii noştri, care au iniţiat propunerea legislativă.

De asemenea, vreau să vă spun că este foarte important pentru comunităţile române din afară ca aceste taxe consulare să se poată structura cât mai bine. De multe ori, chiar vreau să vă spun că mi se reproşează de mulţi dintre concetăţenii noştri care trăiesc în afara României, că ar fi chiar oportună creşterea unor taxe, în condiţiile în care serviciile consulare sunt de calitate.

Deci nu numai că susţinem această propunere legislativă, dar facem un apel către Ministerul Afacerilor Externe, bineînţeles, cu concursul nostru, să crească numărul serviciilor şi chiar al consulatelor din statele în care comunităţile române trăiesc.

Vă mulţumesc.

(aici puteţi decărca stenograma şedinţei din 16 februarie 2010: https://www.senat.ro/Start.aspx sau aici  10.02.16 – pagina 17). Restul detaliilor aici: https://alinaharja.wordpress.com/2010/06/04/taxe-consulare-mai-mari-ce-faceau-%E2%80%9Calesii%E2%80%9D/

Intorsul ca la Ploiesti poate tine la sustinatori, care SIGUR nu cunosc Constitutia Romaniei. De altfel si parlamentarii diasporei demonstreaza ca habar n-au cum functioneaza institutiile Statului Roman. Deci, pentru Badea si Branza special, cu deoasebita consideratie: Breaking News!!!! Constitutia Romaniei (http://www.cdep.ro/pls/dic/site.page?den=act2_1&par1=3#t3c1s3a76 )

ARTICOLUL 75
(2) Prima Cameră sesizată se pronunţă în termen de 45 de zile. Pentru coduri şi alte legi de complexitate deosebită termenul este de 60 de zile. În cazul depăşirii acestor termene se consideră că proiectele de legi sau propunerile legislative au fost adoptate.

(3) După adoptare sau respingere de către prima Cameră sesizată, proiectul sau propunerea legislativă se trimite celeilalte Camere care va decide definitiv.

(4) În cazul în care prima Cameră sesizată adoptă o prevedere care, potrivit alineatului (1), intră în competenţa sa decizională, prevederea este definitiv adoptată dacă şi cea de-a doua Cameră este de acord. În caz contrar, numai pentru prevederea respectivă, legea se întoarce la prima Cameră sesizată, care va decide definitiv în procedură de urgenţă.

(5) Dispoziţiile alineatului (4) referitoare la întoarcerea legii se aplică în mod corespunzător şi în cazul în care Camera decizională adoptă o prevedere pentru care competenţa decizională aparţine primei Camere.

ARTICOLUL 76
(1) Legile organice şi hotărârile privind regulamentele Camerelor se adoptă cu votul majorităţii membrilor fiecărei Camere.
(2) Legile ordinare şi hotărârile se adoptă cu votul majorităţii membrilor prezenţi din fiecare Cameră.

(3) La cererea Guvernului sau din proprie iniţiativă, Parlamentul poate adopta proiecte de legi sau propuneri legislative cu procedură de urgenţă, stabilită potrivit regulamentului fiecărei Camere.

Legătură permanentă Lasă un comentariu

Nimic nou: Badea si perlele

Iunie 28, 2010 at 11:45 pm (Uncategorized)

Domnul Senator Riceard Badea  a reusit iar sa scoata un porumbel din gura, de aceasta data cu ocazia unei intalniri “lamuritoare” cu romanii din Italia (cel putin asa zicea comunicatul).

Dimineata s-a dus si-a povestit celor 6 romani (dintre care 2 membri ai filialelor PDL de la Roma, iar 2 jurnalisti) convocati la Consulatul Romaniei la Torino motivatiile pentru care el a sustinut (dupa cum aratam aici: https://alinaharja.wordpress.com/2010/06/04/taxe-consulare-mai-mari-ce-faceau-%E2%80%9Calesii%E2%80%9D/ ) legea care mareste taxele consulare.

Am inteles c-ar fost o discutie extrem de interesanta: eu as numi-o monolog cu aplaudaci (exceptand, bineinteles, jurnalistii ) dar iar zice lumea ca-s rea. (Aici foto: http://dutumihai.com/2010/06/28/marea-chermezaf/ ).

Partea interesanta este insa interviul dat la radio (aici o scurta cronica: http://dutumihai.com/2010/06/28/cum-mi-am-pierdut-astafzi-timpul/ ).

Deci, domnul Badea se apuca sa faca analize fara ca, evident, sa se informeze in prealabil. La aplaudaci, tine. Ei nu verifica. Harja (se pronunta cum se scrie) insa, da.

Zice domnul senator Badea ca italienii doar n-au atatea consulate cate avem noi si deci maririle sunt perfect justificate pentru ca Romania “a extins reteaua consulara”. Ce nu stie domnul Badea ,si eu tin neaparat sa-l informez, este c a, pe site-ul MAE atat al Romaniei cat si al Italiei, este descrisa pe larg reteaua consulara pe care o au cele doua tari. (Aici link-uri: http://www.esteri.it/MAE/IT/Ministero/Servizi/Italiani/Rappresentanze/ si  http://www.mae.ro/index.php?unde=doc&id=27&idlnk=5&cat=6 )

Deci, domnule Badea, tin sa va informez ca italienii platesc mai putin decat noi, dar au mai multe consulate si, in general, muuuult mai multe reprezentante diplomatice. Culmea, si de calitate!!! Adica ei au consulate generale de prima clasa. Romania, nu.

Iata o situatie comparativa:

Romania: 91 ambasade, 34 consulate generale, 2 consulate si 167 de consulate onorifice

Italia: 123 ambasade,  9 consulate generale de prima clasa, 58 de consulate generale, 6 consulate de prima clasa, 22 consulate, 1 vice-consulat, 9 agentii consulare, 9 consulate generale onorifice, 112 consulate onorifice, 163 vice-consulate onorifice.

Trecand peste numarul imens de consulate onorifice (40), italienii au in Argentina  9 consulate operative(la o polulatie declarata in 2008 de 601.658). Romania are doar 5 consulate operative si 8 consulate onorifice (la o polulatie declarata de 856.700). Raportat la populatia pe care trebuie sa o serveasca: cum stam, domnul Senator?

Dupa a n-spea gafa a stimabilului eu sunt din ce in ce mai convinsa ca este prost informat. Sper ca nu se informeaza de la cei care l-au rugat in genunchi sa mareasca taxele consulare.

LATER EDIT: Mihai Dutu vorbea si despre diferenta de salariu intre personalul diplomatic italian si cel roman.

Un ambasador roman are salariul de baza de 7.514 lei (aproximativ 1875 Euro), in timp ce omologul sau italian castiga 9462 Euro.

Un ministru plenipotentiar roman primeste un salariu de baza de 6.144 lei (aprox. 1536 Euro). Acelasi ministru italian castiga insa 7428 Euro.

Consilierul diplomatic roman castiga un salariu de baza de 5.009 lei (aprox. 1252 Euro). Colegul sau italian primeste 5616 Euro.

Un secretar de ambasada roman are, in functie de grad, un salariu cuprins intre 4.625 si 3.853 lei (intre 1156 si 963 de Euro). Secretarii de ambasada italieni primesc insa 3533 de Euro.

Cred ca este suficient pentru a demonstra ca oricum ar da-o Mr. Badea, tot nu ies calculele.

Legătură permanentă 7 comentarii

« Previous page · Next page »